Lesioni Oculari: cosa fare e come trattarle

Le lesioni oculari possono presentarsi frequentemente, anche in conseguenza di un banale incidente. Sono, però, la prima causa di cecità al mondo perché spesso non vengono riconosciute e quindi non trattate come si dovrebbe, intervenendo quando ormai è troppo tardi.

Ecco come comportarsi in caso di lesioni oculari.

Come riconoscere una lesione oculare

Per riconoscere una lesione oculare occorre prestare attenzione all’insorgere di determinati sintomi. Il primo e inequivocabile sintomo è un dolore forte e persistente all’occhio. Solitamente questo sintomo si accompagna con un versamento di sangue all’interno dell’occhio, gonfiore, o mobilità limitata dell’occhio.

Inoltre, in presenza di una lesione oculare, l’occhio tende a gonfiarsi e a sporgere rispetto all’orbita. In tutti questi casi occorre intervenire tempestivamente prima che sia troppo tardi e che l’occhio sia irrimediabilmente compromesso.

Come trattare una lesione oculare

In caso di lesione oculare è consigliabile rivolgersi subito ad un medico. Nell’attesa di poter vedere un professionista ci sono comunque alcune cose che possono aiutare la situazione.

Ad esempio è opportuno bendare l’occhio con una garza sterile. In realtà vanno bendati entrambi gli occhi perché si muovono consensualmente, e quello sano potrebbe involontariamente far muovere quello lesionato aggravando la situazione.

Nel caso in cui la lesione sia causata da un agente irritante, l’occhio va sciacquato abbondantemente con acqua fresca, sbattendo le palpebre per eliminare le sostanze urticanti. Successivamente si procede con il bendaggio.